Premi alt+0 per andare ai contenuti della pagina
Politecnico di Milano

Scuola di Architettura e Società

Via Ampere, 2 - 20133 Milano - Tel. 02.23.991

Accesso rapido


Architettura e produzione edilizia - Milano

Versione stampabile
 

Anno Accademico 2013-2014



Presentazione generale
All’interno dell’offerta didattica della Scuola di “Architettura e Società”, il Corso di Laurea in “Architettura e produzione edilizia”, collocato nella Classe L23 “Scienze e tecniche dell’edilizia”, è orientato alla formazione di nuove figure tecnico-professionali operanti nel settore edilizio, in risposta ad una domanda emergente di competenze nelle aree del project management, del construction management e del quantity surveyor, per colmare quindi carenze da tempo rilevate nel mondo delle costruzioni, dei servizi e delle Pubbliche Amministrazioni.
Il percorso didattico, incentrato sulle attività di programmazione, progettazione, produzione e gestione edilizia, fornisce conoscenze e abilità di tipo tecnico-manageriale riferite alla gestione del processo di produzione progettuale e della commessa, alla progettazione esecutiva ed agli aspetti realizzativi, organizzativi e della sicurezza del cantiere edile, alla manutenzione e al recupero del patrimonio edilizio esistente.
Il Corso attivato a Milano approfondisce particolarmente le tematiche relative al management degli interventi ed alla dimensione esecutiva del progetto, con una peculiare attenzione alle dinamiche di innovazione che interessano la produzione edilizia contemporanea (tecnologie, materiali, sistemi e componenti).

Obiettivi formativi
Il Corso di Laurea fornisce competenze nell’ambito delle attività di progettazione, costruzione e gestione di interventi edilizi nuovi o relativi al costruito, al fine di governare la crescente complessità delle fasi amministrative, tecniche ed economiche del progetto, con approfondimenti relativi ai seguenti aspetti:
- progettazione e direzione dei lavori relative a costruzioni civili semplici, con l’uso di metodologie standardizzate, e a interventi di gestione, manutenzione, recupero e riqualificazione del costruito;
- verifica della fattibilità tecnica, procedurale e normativa degli interventi, organizzazione e gestione del processo edilizio, progettazione esecutiva;
- valutazione economica degli interventi e controllo del rapporto tempi-costi-qualità;
- direzione e organizzazione delle attività di produzione edilizia e del cantiere edile;
- progetto e gestione della sicurezza;
- rilevamento diretto e strumentale dell’architettura contemporanea e storica;
- innovazione tecnologica dei materiali, dei sistemi costruttivi e dei componenti edilizi e impiantistici per il controllo delle prestazioni ambientali ed energetiche dei manufatti.
Ritenendo centrale l’obiettivo di ridurre la distanza fra l’università, caratterizzata da saperi teorici, e il mondo del lavoro, sempre più connotato da competenze e savoir fair integrati, il percorso prevede un tirocinio obbligatorio, da svolgersi prima del conseguimento della Laurea. Il Corso infatti attribuisce particolare valore alla conoscenza e alla pratica dei processi di costruzione dell’architettura, con momenti di alternanza tra studio e lavoro finalizzati anche a supportare le scelte di orientamento e collocazione nel mercato delle professioni.

Sbocchi professionali
Il laureato è dotato di una preparazione tecnica che offre una ampia gamma di opportunità per l’inserimento nel mondo del lavoro. Le conoscenze e abilità conseguite corrispondono infatti a quelle di figure da tempo consolidate nel contesto europeo ed emergenti a livello nazionale, anche in rapporto ai nuovi ruoli recentemente definiti in materia di progettazione ed esecuzione di lavori pubblici.
Il mercato del lavoro di riferimento è costituito da strutture professionali che operano nel progetto, nella direzione lavori e nei servizi, da imprese di costruzione (nuove costruzioni, manutenzione, recupero e restauro) ed aziende che producono beni e servizi per l’edilizia, e dalle pubbliche amministrazioni.
Il laureato, previa superamento del relativo Esame di Stato, può iscriversi ad uno dei seguenti Ordini professionali:
- Albo degli Architetti, Pianificatori,Paesaggisti e Conservatori, sezione B-Architetto junior
- Albo degli Ingegneri, sezione B-Ingegnere civile e ambientale junior
Formazione successiva eventuale
Per l’eventuale prosecuzione degli studi, al laureato in “Architettura e produzione edilizia” sono aperte diverse opzioni.
- Accesso in continuità alla Laurea Magistrale in “Gestione del costruito”, Laurea inter-scuola “Architettura e Società”/“Ingegneria edile-Architettura, senza debiti formativi;
- Accesso alla Laurea Magistrale in “Architettura” della Scuola di “Architettura e Società”, con ingresso subordinato a valutazione della carriera e assolvimento di debiti formativi;
- Frequenza a Master di 1° livello o Corsi di Specializzazione/Perfezionamento, su tematiche di specifico interesse.